LABORATORIO POPOLARE – LabPoP asd e ps

 

La forza del progetto nasce dal laboratorio teatrale popolare, un contesto creativo in modificazione. Dall’azione di stare insieme, un contesto attivo in cui, tramite l’entusiasmo e l’esperienza, si fa teatro, attraverso giochi e proposte creative. La libertà di immaginare, senza la paura di fare errori permette il recupero del naturale movimento e lasciar fluire la propria espressione senza blocchi inibitori e giudizi. Quello che conta è essere presenti in modo sincero e genuino.
I contesti che ospitano le attività sono luoghi di aggregazione cittadina, legati ad una ingenua immagine di paesello con piazza. Una cittadella che sentiamo casa, accogliente partecipata, al suo interno si troviamo svariate attività che si condizionano ed si entusiasmano a vicenda. Altri, sono spazi Atelier, luoghi creativi. Il nostro obiettivo è trovare una ” Casa delle Arti” dove far incontrare le creatività di tanti senza pregiudizi e possibilmente accogliendo tutti!!!

Nascono prima le Associazioni o i Progetti? In questo caso, come in tanti, nasce prima il progetto.
Massimo Rini ideatore dal 2013 ed ospite alla Cascina RoccaFranca di Torino, decide di condividere il suo percorso con Eleonora Aschero e nel 2016 rendono ufficiale il loro operato.

LabPop asd e ps non è solo più laboratorio teatrale ma un vero divulgatore e promotore della arte creativa. I vari incontri, collaborazioni ed esperienze hanno portato a proporre svariate iniziative: laboratori, eventi, incontri formativi, gruppi di lavoro sempre in trasformazione e puntando alla qualità delle proposte.
Dal 2015 si inaugura in collaborazione con la Casa del Quartiere di San Salvario il Laboratorio Teatrale per Signore e Signori sopra i 60 anni, con i contesti annuali Vita Mia (2015),  Volare (in corso, 2016) La gioia di Vivere (2017), con i medesimi focus su teatro creativo, attenzione alle tecniche, dimensione aggregativa e socializzante.
Il teatro è LabPop! è un contesto attivo dal 2013 in diversi spazi aggregativi cittadini ( Verdi 15 Occupata, Cascina Roccafranca, GreenBox incubatore di Idee, Via Baltea 3, Spazio Trad) coniuga le pratiche del Teatro Creativo conl’approfondimento sulle tecniche performative. Il LabPop è uno tempo di creazione scenica, un contesto aggregativo e formativo con l’attenzione alla dimensione del gruppo e della crescita personale.  Dal 2015 cambia pelle!!! si fa un pò più coraggioso e maturo. Propone una percorso di formazione di base per un’esperienza scenica tecnica, corporea, di improvvisazione e drammaturgia. Le basi per muoversi e liberare il proprio mondo creativo attraverso le regole sceniche teatrali.

Oggi, siamo molto fieri del percorso di crescita e professionale che stiamo percorrendo. Siamo adulti e come tali maturiamo, facendo il possibile per raggiungere i nostri obiettivi e il fine tanto sudato.

Per alimentare la serotonina e mantenere in equilibrio le intelligenze individuali è nato il progetto CulturaMovimento” per il benessere psico-fisico quotidiano, per le discipline performative artistiche e sportive. Il linguaggio del corpo gestisce e sostiene l’atto comunicativo quotidiano, che deve essere efficace e funzionale, per questo dobbiamo nutrire e rendere agile il mezzo che educa e forma globalmente la nostra personalità individuale e sociale.
L’equilibrio dell’attività mentale e motoria conduce ad un senso individuale di benessere. L’insufficienza di qualsiasi attività provoca ripercussioni in tutte le fasce evolutive dell’uomo.
Nella seconda metà del 2016 nasce il desiderio di condivisione e ricerca progettuale che permette lo sviluppo di “ArtiXtutti” che vede partecipi 20 operatori delle arti creative costituento l’evento denominato Giornata delle Arti X Tutti nel settembre 2017.

Crediamo fortemente nella necessità di creare un gruppo di lavoro misto, forte ed unito. Un equipe composta da partner, soggetti autonomi, professionisti di diversa preparazione e ambito, per costruire assieme un punto d’appoggio per operatori in cui: accrescere le proprie competenze, arricchire il livello qualitativo del metodo scientifico proposto, valorizzare l’arte pedagogica, potenziare la crescita professionale in un unico contenitore che si appoggia alla condivisione comunitaria. per questo modivo ci prefiggiamo un obiettivo  impegnativo e complesso denominato “Casa delle Arti“.