La prima Giornata delle Arti per Tutti

Un percorso, una mappa colorata, un coro di voci e suoni, innumerevoli piedi e mani, parecchie teste, curiosità e voglia di sperimentarsi, una festa, pranzo e cena condivisi, sorrisi e qualche intoppo, coordinamento, lavoro lavoro lavoro: ecco cosa è stata la prima edizione della Giornata delle Arti X Tutti, che abbiamo vissuto il 16 settembre 2017.

Tutto era iniziato con una call nel mese di febbraio: cercasi conduttori di laboratori, artisti, creativi. A lanciarla, l’Associazione Lab Pop, per iniziativa di Massimo Rini e Eleonora Aschero. Nei mesi a venire abbiamo ideato una giornata composita e ricca di proposte, rivolte a quanti desiderassero conoscere nuovi percorsi espressivi, giocare con la creatività e incontrare gli altri in uno spazio particolare, profondo e divertente, capace di accogliere la specificità di ognuno.

Torniamo per un momento a quella giornata. Arrivati alla Casa del Quartiere di San Salvario, i partecipanti ricevono il volantino col programma: c’è da scegliere tra … laboratori, ognuno della durata di due ore; l’ingresso a un laboratorio costa cinque euro; i laboratori si svolgono contemporaneamente in vari spazi della Casa; al termine della giornata, un intervento talk e una grande festa, con jam session musicale e poetica, a cura dello staff Artixtutti e del gruppo Caleidoscoppio.

gda

Che aria si respira? Vediamo facce interessate, incuriosite, a volte spaesate: molti chiedono informazioni al punto accoglienza sopra le scale, altri si aggirano tra i corridoi cercando il laboratorio a cui si sono iscritti, altri ancora aspettano gli amici per entrare, oppure fanno merenda in cortile. Insomma, c’è un’aria dinamica e informale, e l’impressione è quella di stare in un luna park pieno di attrazioni colorate. C’è molto movimento, non soltanto di corpi che salgono e scendono tra i piani e si muovono nello spazio, ma anche di pensieri. C’è scambio di energie, di idee, soprattutto c’è la gioia di esprimersi con la propria creatività attraverso molteplici tecniche: arteterapia, teatroterapia, psicodramma, movimento espressivo, musicoterapia, pratica filosofica, voce funzionale, scrittura: queste le tecniche, utilizzate da sole o in sinergia, con percorsi dedicati ad adulti o bambini.

Diamo uno sguardo ai numeri della giornata:

  • 30 ore di laboratori
  • 18 conduttori
  • 250 partecipanti
  • 1 talk
  • oltre 2000 interazioni sulla pagina dell’evento

  Cosa abbiamo costruito durante quella giornata?

Innanzitutto, una rete: molti di noi operatori AxT si sono conosciuti in occasione di questo progetto e la stragrande maggioranza ha deciso di proseguire il lavoro comune, quest’organizzazione partecipata, in vista della seconda edizione; una sinergia che ha portato nuove collaborazioni e contaminazioni tra tecniche, che arricchiscono il linguaggio di ognuno.

Poi, abbiamo creato un polo di attrazione sulle arti partecipate, che ha coinvolto molte persone direttamente attraverso attività espressive e aggregative.

Abbiamo inoltre costruito un format, spendibile anche successivamente.

Abbiamo fondato un primo atto da cui è scaturita una continuità: attraverso la newsletter Artixtutti, il sito internet e la pagina facebook @LaboratorioPopolare i partecipanti sono potuti rimanere in contatto con le iniziative dei singoli conduttori e seguirne il lavoro annuale.

Infine, abbiamo costruito una base di partenza per le iniziative future, che non tarderanno ad arrivare: stiamo infatti organizzando la seconda edizione della GdA, prevista per il prossimo settembre.

Autore dell'articolo: wp_9153074

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *